ROOTS FESTIVAL IN INDIA: BILANCIO, IMMAGINI E PROSPETTIVE

ROOTS FESTIVAL IN INDIA: BILANCIO, IMMAGINI E PROSPETTIVE




A Montevarchi un gruppo di ragazzi, si occupa di portare avanti l’organizzazione di eventi culturali che hanno come obiettivo finale quello di creare un grosso evento multiculturale annuale. C’è già l’appoggio del Comune, della Uisp, e della Coop, più altre associazioni e personaggi vari. Vogliono dare la possibilità ai giovani di portare avanti i propri progetti inserendoli in un evento più grande che li contenga. I progetti possono variare dallo sport, al sociale, a progetti di ricerca, di tesi, di marketing, commerciali, qualsiasi cosa che possa favorire integrazione sociale e
multi-culturalità L’invito è valido per chiunque voglia portare avanti un’idea, un progetto, ma anche per chi voglia solo aiutare.

per info:

angelo.dadorante@gmail.com
tel. 3391154125

ROOTS FESTIVAL, INDIA

BILANCIO FINALE

Special Guests: Il Presidente del Panchayat, il capo della polizia della zona rurale, l’Olimpionico Shiva Keshavan, un rappresentante regionale del Distretto del Wayanad.

Media: Erano presenti testate giornalistiche locali del Kerala (stampa e televisione in lingua Malalian) e magazine di livello nazionale come Sport Illustrated che ha dedicato ben 4 pagine all’evento.

Reportage: È stata prodotta un’ingente quantità di materiale foto e video tra cui un video di 1 minuto come spot dell’evento. È in produzione un video documentario più lungo ad opera di un regista di scuola Bollywood che ha seguito l’intero progetto.

Spettatori: L’evento ha visto la partecipazione di circa 7000 persone. Questo numero include numerosi spettatori da tutta la regione tra cui donne e bambini provenienti da diversi settori della società.

Visitatori: Circa 200 visitatori da Delhi, Mumbai, e Bangalore e la delegazione italiana di 15 persone.

Ritorno economico: L’investimento sul territorio e il valore economico che gli organizzatori e i partner del progetto hanno direttamente indotto nella zona è di circa 15,000 €.

Spettacoli Culturali:

Esibizioni di Kalaripayatt, antichissima arte marziale nata in Kerala migliaia di anni fa.

Concerti di musica rock con band provenienti da Bangalore.

Gruppi di musica folk locale.

Esibizioni di danza e musica delle tribù provenienti dalle zone interne.

Gli italiani sono stati ospiti d’onore durante tutte le manifestazioni.

L’esperienza:

Il gruppo italiano ha vissuto a stretto contatto con la popolazione locale e grazie agli eventi sociali e culturali vi è stata una totale compartecipazione.

Le visite a templi e luoghi di interesse naturalistico hanno completato un viaggio veramente speciale tanto che i ragazzi hanno scritto dei diari per ricordare l’esperienza.

Sono state raccolte testimonianze e interviste e l’evento è stato analizzato da un punto di vista sociologico, dando vita a un forte momento di integrazione tra due culture diverse.

Donazioni:

Palloni ufficiali del torneo Roots Football grazie ad AUDAX Montevarchi.

Maglie ufficiali per la squadra del Periya procurate dall’AUDAX Montevarchi.

Due divise per la squadra italiana e pettorine da allenamento fornite da UISP Firenze.

Scarpe, parastinchi e calzettoni per i volontari del posto che hanno aiutato nei lavori.

ROOTS FOOTBALL

Tournament

BILANCIO FINALE

Allestimenti:

Campo da gioco per calcio a 7.

Impianto elettrico e di illuminazione.

Palcoscenico per le cerimonie e gli eventi culturali.

Posti a sedere e copertura per la pioggia.

Area ristoro con cibo e bevande.

Padiglione per vendita gadget.

Striscioni e pannelli pubblicitari.

Al torneo hanno partecipato 8 squadre, di cui una italiana.

Il torneo è stato vinto dalla squadra Jolly Team di Thalapuzha.

La squadra italiana, Rootz & Bootz Italia,  si è classificata al terzo posto.

Friends Periya, la squadra che abbiamo sponsorizzato, si è classificata al quarto posto.

Rootz & Bootz Italia ha vinto il premio Fair Play.

Sono stati assegnati trofei per il miglior portiere, il miglior marcatore, il miglior giovane, il miglior giocatore, più altri premi speciali.

Telecronaca durante tutte le partite (a volte anche in doppia lingua – Malalian e Italiano J).

Musica e spettacoli prima, durante e dopo le manifestazioni sportive.

Forti momenti di integrazione e di amicizia tra le squadre rivali.

INCONTRI UFFICIALI

Incontri con il Club Friends Periya:

Scambio di regali tra AUDAX Montevarchi e la dirigenza del Friends Periya Club, tra cui il gagliardetto ufficiale.

Incontri con società ed associazioni:

Visitate cooperative di latte, tè, caffè che abbiamo documentato con foto video e interviste. Inoltre sono stati stretti contatti con le varie direzioni.

Stretto rapporti con la Perya Development Society, una cooperativa sociale che si occupa di sviluppo sostenibile delle zone rurali.

Incontro con il Panchayat di Thavijnal

(di cui Periya è una frazione rurale)

Consegna della “porta dell’accoglienza”, simbolo di Montevarchi.

Consegna di materiale informativo su Montevarchi.

Consegna di gadpt-Charset: ISO-8859-1,utf-8;q=0ce.

Consegnata una lettera ufficiale di saluti e richiesta di Patto di Amicizia da parte del Comune di Montevarchi.

Consegnata una quantità consistente di medicine ad una ONG medica che opera nell’ospedale di Thalassery, grazie alla presenza del Dr. Stefano Gori, dottore di medicina interna dell’Ospedale di Careggi.

In programma per il 2012 vi è una collaborazione con il Panchayat anche su temi sociali come la salute e i prodotti da agricoltura biologica.

Il Panchayat ha promesso di supportare i prossimi eventi Roots Festival e le iniziative di collaborazione internazionali.

ROOTS FESTIVAL 2012

POSSIBILI  SVILUPPI

  • Nuova location con un più grande bacino di utenza e una maggiore accessibilità
  • Partecipazione attiva del Panchayat e di associazioni locali, con la possibile collaborazione del governo centrale e di enti italiani.
  • Organizzazione di un torneo parallelo per bambini
  • Allestimento di un campo medico annuale durante il Roots Festival da parte di un associazione di medici toscani in collaborazione con ONG mediche e ospedali locali.
  • Installazione di un padiglione informativo per temi critici come: l’utilizzo controllato di fertilizzanti chimici, i problemi dell’alcoolismo, e lo stile di vita salutare.
  • Progetto di un punto vendita per produttori locali e cooperative sociali di prodotti organici da agricoltura biologica, con la possibilità di collaborazione con cooperative italiane.
  • Maggiore coinvolgimento della comunità femminile nell’organizzazione degli eventi e delle attività.

partners del progetto