Radio Valdarno Home

5 MOTIVI PER VEDERE NERVE

5 MOTIVI PER VEDERE NERVE

Nerve, nelle sale in questi giorni, non è certamente un capolavoro, anzi… ma è un film del filone  young adult che in un torrido pomeriggio di fine giugno si può tranquillamente andare a vedere al cinema per questi cinque ottimi motivi.

  • Perché nei cinema, di solito, c’è l’aria condizionata.
  • Perché spiega in qualche modo il fenomeno Blue whale: le sfide al limite (camminare sui binari etc.) che alcuni giovani giocatori fanno, il rapporto tra il gioco e i social media.
  • Perché il discorso, la tirata, che la protagonista, Emma Roberts (nipote di….), fa contro i leoni da tastiera e la facilità di offendere e giudicare nascosti dietro a un nick name è veramente attuale.
  • Perché la distopia è il genere che caratterizza il nostro tempo (e già questo la dice lunga sul nostro tempo) e Nerve è una distopia molto plausibile e vicina al reale (vedi punto 1).
  • Perché, per chi come me, è in fissa con i manga, Nerve me ne ricorda diversi che stanno uscendo in questo periodo. Ricorda, enormemente, Darwin’s game: un ragazzo accetta di partecipare a un social game per guadagnare soldi ma ben presto scopre che è molto pericoloso. Somiglia anche, più di taglio, a Demokratia dove le scelte di un androide vengono gestite attraverso il voto online di un numero ristretto di spettatori. Ha qualche caratteristica in comune anche con BToom: un ragazzo passa dal giocare online a un gioco di guerra e strategia al giocarci nella realtà in un’isola con altri esseri umani in lotta contro di lui per la sopravvivenza.

24 giugno 2017 articoli ,

Rispondi

Cerca

Palinsesto

Seguici

Ascolta

Recenti